Salento-terapia tra marketing e verità

salento

Sono ben dodici le componenti naturali del territorio che contribuiscono al benessere.

E’ di qualche settimana fa la notizia della scoperta scientifica da parte di un gruppo di scienziati dell’Università teulandese di Dorkenstein secondo la quale è sufficiente soggiornare anche per pochi giorni sulla penisola italiana a sud della Puglia, conosciuta col nome di Salento, per trarre notevoli benefici a livello fisico e psichico. Ora i ricercatori hanno pubblicato la parte finale del loro studio, ossia le cause, le motivazioni e le singole componenti che, nell’insieme, contribuiscono a fornire il sorprendente effetto benefico.
Per la divulgazione e diffusione di questi risultati, i giovani operatori di Repubblica Salentina hanno redatto e pubblicato un pratico manuale con i consigli sui luoghi e sulle pratiche naturali da seguire per godere degli influssi naturali e spontanei del territorio. Dato che le terapie alternative che entrano in gioco sono dodici, hanno pensato bene di organizzare il manuale sotto forma di calendario dove, in ogni mese, viene presentata la terapia presa in esame e la località consigliata per ottenere il massimo beneficio.  Questi i risultati a cui sono giunti gli emeriti scienziati, le terapie naturali che contribuiscono alla Salentoterapia sono: la massaggioterapia, la fitoterpia, la ciboterapia, la musicoterapia, l’idroterapia, l’arteterapia, la cromoterapia, la rilassoterapia, la fototerapia, l’elioterapia e la danzaterapia.

Continua a leggere l’articolo su “Il tacco d’Italia”

“Mi chiedo quanto la fantomatica “Università teulendese di Dorkestein” abbia veramente effettuato questa ricerca. Sicuramente fuggire dallo stress del quotidiano immergendoci in un oasi di benessere, dedicando il tempo a noi stessi e ai nostri cari con cui abbiamo condiviso la vacanza, ci inietta una bella dose di energia e serenità. Massaggi, buon cibo, musica, mare rappresenta per buona parte della popolazione elementi essenziali per ricaricare le pile e poter tornare a riaffrontare un intero anno lavorativo. Mettendo in conto che sia una buona trovata di marketing territoriale, dall’altra parte mi verrebbe da dire che effettivamente fuggire dallo stress, scappando in un posto a noi piacevole, ci ricarica di benessere psicofisico”

Salento-terapia tra marketing e verità
1 (20%) 1 vote

Lascia un commento