Quando il maternity-bluses si trasforma in depressione post-partum?

depressione post-partum

Il periodo di irritabilità, tristezza e ansia che segue le due settimane, circa, dopo il parto, è considerata una fase naturale e di normale amministrazione. Il perché è che dopo la nascita del bambino, avviene un brusco calo di livelli ormonali estro-progestinici che può provocare nella neomamma crisi di pianto, una generale irritabilità, insonnia e parecchia ansia. Questa fase, detta “maternity-blues” si risolve spontaneamente nel giro di una decina di giorni. Talvolta però le cose vanno diversamente e il “maternity-blues” degenera in una vera e propria depressione post-partum. Esistono alcuni fattori di “allerta”:la depressione post-partum può scatenarsi per una gravidanza indesiderata o non programmata, per la giovane età della neomamma, per due gravidanza troppo ravvicinate, ma anche a causa di recenti eventi stressanti ( come un lutto o una separazione). O, ancora, per la difficoltà di allattare o come conseguenza di un parto che non è stato all’altezza delle aspettative. Negli ultimi anni esiste un crescente aumento di depressione, anche  a causa di aspetti prettamente economici, che accrescono l’ansia in soggetti già predisposti.

Cosa fare in caso di depressione post- partum?

La buona notizia è che le neomamme devono sapere che dalla depressione post-partum si guarisce. Considerando che ad aiutare le neomamme a prevenire,  alcuni medici consigliano l’assunzione di vitamina D e di alimenti ricchi di omega 3, la depressione post-partum si combatte con la terapia psicologica. Un aiuto deve venire anche dalla famiglia: il papà e i parenti stretti dovrebbero, nelle settimane successive al parto, farsi carico delle incombenze pratiche. La neomamma deve sentirsi coccolata, aiutata, protetta, deve avere tempo per recuperare il suo equilibrio interiore. Per se stessa e per il suo bambino.

E’ importante, quindi, saper individuare i primi segnali negativi per intervenire subito ed evitare che la depressione post-partum possa rubare alla mamma la naturale gioia di stare col proprio bebè, la capacità di gustarsi il suo sorriso, la prontezza a coccolarlo e accudirlo.

 

Fonte: rivista “io e il mio bambino” autrice Francesca Amè

Quando il maternity-bluses si trasforma in depressione post-partum?
1 (20%) 1 vote
Dott. Amleto Petrarca
Dott. Amleto Petrarca
Psicologo e psicoterapeuta specializzato nella tecnica ISTDP. Curo personalmente da anni questo blog e la scrittura de numerosi articoli pubblicati all'interno. Ogni articolo viene scritto con la massima correttezza di info al fine di non diffondere news poco serie.

Lascia un commento