La dipendenza da videogioco

dipendenza da videogiochi

Chiunque abbia vissuto sa fin troppo bene, la dipendenza da videogioco è reale. Sebbene la dipendenza dal gioco non è ancora ufficialmente riconosciuta come un disturbo diagnosticabile dalla American Medical Association, ci sono crescenti evidenze che le persone di tutte le età, in particolare adolescenti e pre-adolescenti, si trovano ad affrontare  a volte gravi conseguenze associati con l’uso compulsivo di videogiochi per computer.

I videogiochi stanno diventando sempre più complesso, dettagliato e convincente per una crescente pubblico internazionale di giocatori. Con una grafica migliore, personaggi più realistici, e maggiori sfide strategiche, non è sorprendente che alcuni ragazzi preferiscono giocare davanti all’ultimissima uscita, piuttosto che  stare con gli amici, fare sport, o anche guardare la televisione.

Naturalmente, tutti i giocatori non sono dipendenti, molti ragazzi possono giocare ai videogiochi poche ore a settimana, bilanciando con successo le attività scolastiche, lo sport, gli amici, e gli obblighi familiari. Ma per alcuni, il gioco è diventato un impulso incontrollabile. Gli studi stimano che il 10 per cento al 15 per cento dei giocatori espongono sintomi che soddisfano i criteri dell’Organizzazione Mondiale della Sanità per la dipendenza. Proprio come il gioco d’azzardo e altri comportamenti compulsivi, gli adolescenti possono diventare così affascinati dal mondo fantastico del gioco che trascurano la loro famiglia, gli amici, il lavoro, e la scuola.

Leggi l’articolo in inglese

” Questo fenomeno che sta prendendo piede negli ultimi anni, che tipo di generazione futura ci restituirà? In effetti si dovrebbe ormai abbandonare l’idea di veder crescere i nostri figli come un tempo, in quanto l’influenza di massa non permette un ritorno al passato. Ma cosa possiamo fare noi adulti per migliorare e limitare l’attività sedentaria dei nostri figli? ”

see on http://www.video-game-addiction.org/

La dipendenza da videogioco
Ti è piaciuto l\'articolo?

Lascia un commento