Hai paura dell’ abbandono?

abbandono

Isolamento, aggressività, iperattività…e se tu fossi vittima di tale sindrome di abbandono?

L’abbandono è una delle più comuni cause di disagio e infelicità. Alla base di questa sofferenza vi è sempre una situazione di abbandono nell’infanzia, come un padre sempre assente, una madre oberata di lavoro, genitori concentrati nell’arrivo di un fratellino, o la morte di un nonno o una nonna a cui eravamo particolarmente legati.

Trauma spesso minimizzato

Insomma l’abbandono risulta essere traumatico. Alcuni eventi, come quelli sopra elencati, possono essere traumatici per alcuni e meno per altri. La causa è da ricercare nel passato, nell’infanzia, in cui a volte si riscontra una predisposizione naturale, altre volte è il modo in cui la famiglia ha interagito con il bambino. Il fatto che molto spesso ci rendiamo conto di come le persone care non riescono a soddisfare i nostri bisogni e i nostri desideri è una cosa consolidata. A chi, questo comportamento, ha creato una forte confusione e disagio, in cui la separazione non è stata e non sarà vissuta con serenità e fiducia. Probabilmente chi ha paura dell’abbandono, non è capace di vivere bene da solo.

Paura di essere respinti di nuovo

La nostra logica implacabile, conclude, che dal momento che siamo stati abbandonati, non siamo degni di essere amati. Questa credenza sarà alla base di tutte le relazioni sociali e affettive, consapevoli che il nostro bisogno di essere amati e accettati verrà messo in discussione quanto prima. Un circolo vizioso che porta a un comportamento paradossale, come Giovanni 45 anni, che lavora duramente per essere stimato da tutti i suoi colleghi e dal suo capo, sacrificando la sua vita privata.

Insegnare ai bambini di gestire la solitudine

La tentazione è quella di preservare i bambini dalla sindrome di abbandono, ma non bisogna cadere all’estremo opposto. E’ importante perciò trasmettere serenità al bambino quando ci si allontana anche per poco, in modo tale da dare il tempo a lui di scoprire se stesso, e sviluppare la creatività e curiosità. Abbiamo visto come gli estremi non vanno bene, ma è il giusto equilibrio tra essere presenti e non essere presenti, che preservano il bambino dalla sindrome dell’abbandono, costruendo le basi per una futura serenità.

Scarica un regalo per te! Ebook gratis su come risolvere l’ ansia da separazione

[lab_subscriber_download_form download_id=2]

Amleto Petrarca

Psicologo-Psicoterapeuta

Hai paura dell’ abbandono?
Ti è piaciuto l\'articolo?

Lascia un commento