Codice deontologico per psicologi: ecco le modifiche

logo

Ecco i cambiamenti entrati in vigore dal 6 luglio 2013, per  i 3 articoli del codice deontologico per psicologi:

Art.1  L’articolo 1 secondo il quale le regole del codice deontologico sono vincolanti per tutti gli iscritti all’Albo degli psicologi. Lo psicologo è tenuto alla loro conoscenza, in più il nuovo cambiamento aggiunge che le stesse regole si applicano anche nelle prestazioni effettuate a distanza tramite internet o qualunque altro mezzo telematico e/o elettronico.

Art.5 Secondo cui lo psicologo è tenuto a  mantenere un livello di preparazione adeguata in cui le metodologie impiegate corrispondono a fonti e riferimenti scientifici. L’aggiunta è che la violazione dell’obbligo di formazione continua determina un illecito disciplinare.

Art.21 Secondo il quale lo psicologo non è tenuto a insegnare a soggetti esterni la professione tecniche e metodi di intervento.

Questo articolo è stato completamente riformulato  in:

L’insegnamento dell’uso di strumenti e tecniche conoscitive e di intervento riservati alla professione di psicologo a persone estranee alla professione stessa costituisce violazione deontologica grave.

Costituisce aggravante avallare con la propria opera professionale attività ingannevoli o abusive concorrendo all’attribuzione di qualifiche, attestati o inducendo a ritenersi autorizzati all’esercizio di attività caratteristiche per lo psicologo.

Sono specifici della professione di psicologo tutti gli strumenti e le tecniche conoscitive e di intervento relative a processi psichici basati sull’applicazione di principi, conoscenze, modelli o costrutti psicologici.

E’ fatto salvo l’insegnamento di tali strumenti e tecniche agli studenti dei corsi di studio universitari in psicologia e ai tirocinanti. E’ altresì fatto salvo l’insegnamento di conoscenze psicologiche.

Codice deontologico per psicologi: ecco le modifiche
Ti è piaciuto l\'articolo?

Lascia un commento